TUTTE LE BUONE IDEE ARRIVANO GRAZIE A UN’OPPORTUNITÀ

Gianluigi De Angelis

Così recita lo slogan dell’Ente Nazionale per il Microcredito per promuovere l’accesso al credito di tutte quelle persone che vorrebbero avviare un’impresa, ma per una serie di problemi legati principalmente alla mancanza di garanzie reali non possono accedere ai finanziamenti attraverso i normali canali di credito. Il dizionario definisce il termine “opportunità” come una “occasione”, una “circostanza favorevole”: questo è quello che L’ENM ha voluto creare organizzando un modello che sfruttasse lo strumento del microcredito per contrastare l’esclusione sociale e finanziaria di tutti quei soggetti definiti non bancabili ma con un’ idea da realizzare. L’Ente con il Comune di Santa Marinella e la BCC hanno voluto creare un’occasione per il territorio. Grazie ad un accordo siglato nel 2014 e reso subito operativo attraverso un fondo di garanzia iniziale di 100.000,00 euro messo a disposizione dal comune, sostenuto dai servizi ausiliari gestiti dall’Ente Nazionale per il Microcredito e con l’ erogazione da parte della BCC, i progetti di molti nuovi microimprenditori sono stati realizzati in poco tempo. Ad un anno di distanza dall’avvio del progetto, l’iniziativa ha preso forma e si è concretizzata in attività commerciali dietro cui i volti e le storie di giovani intraprendenti sono diventate una testimonianza tangibile.


Attraverso le interviste rilasciate da alcuni di questi giovani che hanno avuto accesso al credito ci siamo resi conto di come sia stato possibile realizzare un sogno grazie proprio ad un’opportunità. Una bella giornata di sole ci offre la possibilità di passeggiare nelle vie di Santa Marinella, di cogliere sin da subito l’atmosfera tipica di questa città in cui le attività commerciali hanno mantenuto quella caratteristica particolare di non essere solo dei locali destinati alla vendita di merce al pubblico, ma sono anche dei punti di ritrovo in cui scambiare due chiacchiere, parlare dei prodotti in vendita ma anche della vita quotidiana, insomma dei luoghi lontani da quella fredda idea di vendita frettolosa e anonima che ormai siamo abituati a vedere nei grandi centri commerciali. Tra gli scaffali pieni di libri tra un abecedario e l’ultimo romanzo di Pennac incontriamo Angelo De Rosas, titolare de “Il Filo di Sofia”, attività che svolge con passione da circa cinque anni e che aveva deciso di rinnovare accedendo ad un prestito. In questo periodo però non sarebbe stato facile. Angelo ha avuto modo di conoscere il microcredito attraverso il passaparola. Angelo, ci racconti come hai conosciuto il microcredito? Ne ho sentito parlare da alcuni amici, mi hanno detto che esisteva questa opportunità e quindi ho deciso di chiedere informazioni al Comune. Sono riuscito ad accedere ad un finanziamento di 25.000,00 euro per rinnovare la mia attività.

E’ stato facile accedere al finanziamento? Si, una volta accertato che rientravo tra i soggetti che possono beneficiare di questo strumento, sono stato seguito in ogni fase del procedimento fino ad arrivare all’erogazione.

Consiglieresti il Microcredito ad altre persone? Certamente. E’ un ottimo strumento, soprattutto per chi deve iniziare con una propria attività. C’è un ottimo studio dietro, le persone vengono seguite e non abbandonate durante la procedura. Se c’è alla base una buona idea, questo ritengo sia un ottimo modo per avviare la propria impresa. Accanto alla serranda della libreria di Angelo c’è quella di Serena Esposito, che ha deciso di aprire una agenzia di viaggi e organizzazione di eventi. Anche lei ha deciso di avviare una propria attività commerciale chiedendo supporto al microcredito. All’ingresso dell’agenzia un grande cuore di palloncini avvisa il cliente che l’organizzazione della luna di miele è uno dei must in cui Serena è specializzata.

Ciao Serena, stiamo incontrando le persone beneficiarie del Microcredito, ci racconti la tua esperienza?

Certamente. Ho aperto da pochissimi mesi, e ho deciso di chiamare la mia impresa Love Store e mi occupo di viaggi ed eventi. Ho conosciuto L’Ente Nazionale per il Microcredito attraverso il Comune di Santa Marinella e mi hanno parlato del progetto anche in banca, la BCC.

E’ stato facile accedere al microcredito? Si, insieme ai tutor abbiamo sviluppato il business plan da sottoporre alla Banca ed al Comune. Ho descritto la mia idea ed in poco tempo ho ottenuto il finanziamento. Ho chiesto 25.000,00 euro e avendo vissuto in prima persona questa esperienza mi sento di consigliarla a tutti quei giovani che vorrebbero avviare una propria impresa ma non possono farlo per via delle difficoltà nel presentare le garanzie necessarie per l’accesso al credito “ordinario”. Salutiamo Serena e continuiamo il nostro giro nelle testimonianze di chi ha usufruito del microcredito e così ci rechiamo da Fulvio Arcangeletti, che ha aperto la gioielleria – orologeria “Arcangeletti” a dicembre del 2015. Anche lui un giovane con la voglia di avviare una attività tutta sua e così dopo aver conosciuto il microcredito ha realizzato il suo progetto.

Ciao Fulvio, come hai conosciuto il microcredito? Ho scoperto questa opportunità grazie al direttore della BCC del mio paese che mi ha parlato del microcredito e della possibilità di poter accedere al credito grazie ad un fondo di garanzia che permette di chiedere un prestito anche se non hai le garanzie necessarie.

Quale importo hai chiesto in Banca e cosa puoi dirci della tua esperienza?
Ho richiesto 25.000,00 euro che servivano per avviare l’attività ed acquistare i beni che mi occorrevano per iniziare. Il procedimento è stato molto semplice, grazie ai tutor che mi hanno seguito sin dall’inizio e mi hanno aiutato a sviluppare il mio progetto. Sicuramente, vista la facilità per ottenere il prestito e il supporto datomi, mi sento di suggerire a tutti coloro che vogliono aprire una propria ditta di rivolgersi all’Ente Nazionale per il Microcredito ed avviare la pratica presso la banca.

Ci spostiamo al centro di Santa Marinella per incontrare Francesco, che con forbici e phon crea le acconciature più trendy del paese: è un giovane parrucchiere di 34 anni che da poco ha avviato la sua attività. Di lui ci ha colpito subito la sua positività, l’energia e l’allegria con cui svolge il suo lavoro.

Ciao Francesco, stiamo realizzando un articolo sulle persone che hanno avviato la propria attività grazie al microcredito. Come hai conosciuto questo strumento?
Ho conosciuto il microcredito parlando con alcune persone che lavorano presso il Comune di Santa Marinella, mi hanno parlato dell’opportunità di accedere ad un fondo dedicato a chi voleva avviarsi all’impresa pur non avendo le garanzie per accedere al credito.
Ho chiesto informazioni più dettagliate ed in poco tempo ho avviato la mia attività commerciale.

Di quale importo hai avuto bisogno? di 25.000,00 euro, restituibili in cinque anni con una rata a tasso fisso inferiore a 500,00 euro.

Cosa ne pensi del microcredito? Lo consiglieresti agli amici e come ti sei trovato con la tua esperienza? Credo che il microcredito sia un valido strumento soprattutto per chi non ha garanzie da offrire in banca, ti permette di avviare una attività tua, avendo una base da cui partire. La procedura è stata semplice e grazie al servizio di tutoraggio sono stato seguito dall’inizio alla fine. Mi sento di consigliare questo progetto a chi come me vuole avviare una impresa commerciale non potendo accedere al credito per la mancanza delle garanzie. Queste sono solo alcune delle testimonianze raccolte nel comune di Santa Marinella. Le altre possono essere visionate direttamente nella sezione case history del sito microccredito. gov.it. Sono tutte storie vincenti che si aggiungono a quelle di altri comuni italiani che hanno siglato accordi con l’Ente Nazionale per il Microcredito. A due anni dall’avvio del progetto pilota che ha coinvolto il comune di Santa Marinella l’Ente Nazionale per il Microcredito ha allargato queste “opportunità” grazie ad una serie di accordi con diversi istituti di credito che permettono a chiunque voglia avviarsi all’impresa oppure a chi ha già aperto da qualche anno di attivare la procedura per l’erogazione del microprestito. Grazie al Fondo Centrale di Garanzia, ai servizi ausiliari che l’Ente Nazionale per il Microcredito offre al cittadino ed alle Banche che hanno deciso di investire nel Fondo per erogare il prestito, si può accedere e avviare nuove opportunità: chiunque può sviluppare la propria idea ed essere seguito in tutte le fasi del progetto fino ed oltre all’erogazione del credito e alla realizzazione della propria idea. L’Ente Nazionale per il Microcredito offre tutto questo e crea un’opportunità: quella necessaria occasione che sta a noi cogliere per sviluppare una buona idea di business e portarla a compimento.

Scarica pdf