Microcredito: un nuovo supporto per la croce rossa italiana. L’esperienza del comitato regionale lazio

La Croce Rossa Italiana - Comitato Regionale Lazio ha una importanza precipua e preminente e spesso è stato precursore di iniziative e progetti pilota che poi hanno trovato l’adesione di altri comitati. Quali sono le attività che oggi conduce?

L ’Associazione della Croce Rossa Italiana appartiene al Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezza Luna Rossa, ed ha per scopo quello di prevenire e alleviare la sofferenza umana, contribuire al mantenimento e alla promozione della dignità umana e di una cultura della non violenza e della pace. Nelle 100 sedi territoriali dell’Associazione presenti nella Regione Lazio, gli oltre tredicimila operatori Volontari C.R.I., ispirati dai nostri Principi Fondamentali e Valori Umanitari, quotidianamente sviluppano e prendono parte ad una moltitudine di attività a favore dei più vulnerabili e a fianco delle istituzioni.

In particolare, siamo presenti in diversi ambiti che vanno dalla pianificazione di progetti e campagne volte alla prevenzione e alla tutela della salute, ai temi di risposta ad emergenze e catastrofi, fino alle tematiche di assistenza socio sanitaria e di inclusione ai più vulnerabili, agli invisibili, agli ultimi della nostra società, analizzando i bisogni e cercando di interpretare le nuove sfide umanitarie.

I Comitati CRI promuovo specifiche attività di assistenza, pensate su ogni territorio, supportando persone svantaggiate, incoraggiando l’adozione di misure sociali tramite l’implementazione di progetti volti a mitigare e rispondere ai diversi meccanismi di esclusione sociale e con iniziative verso i senza dimora, le persone diversamente abili, le persone con dipendenze, le persone migranti, gli emarginati, esclusi dai normali circuiti di aiuto.

La Croce Rossa Italiana nel Lazio, si adopera, inoltre, a garantire un’efficace e tempestiva risposta alle emergenze, supportando anche la più ampia azione nazionale, attraverso la formazione delle comunità e lo sviluppo di un meccanismo di risposta ai disastri efficace e tempestivo, volto alla resilienza.

Stiamo inoltre continuando a lavorare per il futuro dei territori colpiti dal sisma “centro Italia” con progetti di ricostruzione con strutture permanenti, tecnologicamente avanzate ma soprattutto capaci di restituire alla popolazione spazi di aggregazione e incontro alla popolazione, trasformandosi all’occorrenza, in presidi di protezione civile e di prima accoglienza in caso di nuova emergenza. Centri multi servizi e strutture polifunzionali che siano veri e propri punti da cui ripartire. Ne è un esempio il centro che sta nascendo ad Amatrice e che comprenderà un’area teatro, un cinema ed un auditorium.

Desidero, inoltre, sottolineare le numerose attività e campagne di educazione alla cittadinanza attiva, che vengono realizzate dai Giovani Volontari C.R.I., Soci con una età compresa tra i 14 ed i 32 anni, che ci hanno permesso di poter arrivare ad incidere in molte realtà differenti del disagio giovanile, consentendoci di essere presenti nelle scuole di ogni ordine e grado, con approccio peer to peer.

La Croce Rossa è una istituzione secolare che si fonda sull’altruismo e sulla volontà di tutelare l’integrità della persona. Principi condivisi nella Microfinanza. Quali le possibilità di attività di collaborazione tra la CRI e l’Ente Nazionale per il Microcredito?

Intervista al presidente cRI - Lazio Adriano De nardis

La collaborazione tra Croce Rossa Italiana - Comitato Regionale Lazio e l’Ente Nazionale per il Microcredito nasce con l’obiettivo di poter mettere a disposizione dei Comitati Territoriali dell’Associazione degli strumenti di microfinanza che possano sostenere progetti innovativi e a supporto delle nostre comunità, con opportunità di ausilio economico e di tutoring attraverso un fondo di garanzia per lo sviluppo e la realizzazione di progetti di Capacity Building. Gli strumenti che sono stati immaginati con l’Ente nazionale per il Microcredito favoriranno il potenziamento di iniziative progettuali già esistenti e la realizzazione di nuove attività primariamente su tematiche come la lotta alla povertà e a sostegno dell’inclusione sociale.

Nella sua personale visione della organizzazione quanta importanza può rivestire la condivisione di una responsabilità collettiva nella realizzazione di un progetto concreto?

La responsabilità collettiva ricopre un ruolo importante e si fonda sulla consapevolezza che solo uno sforzo collettivo può rendere migliori le nostre comunità, migliorando le risposte alle vulnerabilità che le colpiscono.

Lo scopo infatti di molti dei progetti concreti della CRI è mettere in campo un vero e proprio gioco di squadra, una rete di attori, che insieme possano stimolare diversi ambiti della società, ciascuno con le proprie peculiarità e competenze, con il fine ultimo di far fronte alle vulnerabilità e ai bisogni sociali, senza mai lasciare nessuno solo.

La responsabilità collettiva può essere quindi anche vista come ponte tra le diversità, utile e importante per gestire con maggiore consapevolezza le situazioni di incertezza, migliorare la fiducia reciproca e il benessere, utile a prevenire l’esclusione sociale.


Quali sono i progetti che potrebbero essere realizzati grazie ai finanziamenti di microcredito?

I finanziamenti potranno essere destinati a molteplici usi, dall’acquisto di beni ed attrezzature, all’acquisto di veicoli, fino alla progettazione di percorsi formativi specialistici volti al mantenimento dell’alta qualità professionale che da sempre caratterizza l’azione della nostra Associazione sul territorio.

Sarà possibile richiedere la valutazione di finanziamenti con l’obiettivo di incrementare le attività socio assistenziali, quali la creazione di punti di accoglienza nelle sedi C.R.I. del Lazio e l’implementazione di sportelli di ascolto rivolti a spicchi della popolazione in particolari situazioni di disagio o difficoltà.

Potranno essere realizzati nuovi progetti con il fine di migliorare la risposta a disastri ed emergenze, anche incoraggiando l’adozione di misure comportamentali ed ambientali, utili per prevenire catastrofi. L ’obiettivo primario, grazie al supporto degli esperti/tutor dell’Ente Nazionale per il Microcredito, sarà di poter moltiplicare e supportare i progetti in essere sul territorio, per rispondere efficacemente alle nuove sfide che quotidianamente affrontiamo, anche rafforzando la cultura del servizio volontario e della partecipazione attiva nelle nostre comunità.


© 2019 Rivista Microfinanza. All Rights Reserved.