a cura del Centro Studi e Progettazione ENM

La programmazione europea 2014 - 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel mezzogiorno

Questo è un progetto: POIn (FESR) 2007-2013 Attrattori culturali, naturali e turismo. Asse II Linea di intervento II.2.1 Intervento: “Azioni di sensibilizzazione di stakeholders, attori istituzionali ed economici di filiera turistica delle Regioni Convergenza attraverso la promozione e diffusione della conoscenza degli strumenti di microcredito e di microfinanza” realizzato nell’ambito del Progetto: “Promozione, promo-commercializzazione e sensibilizzazione di aree di attrazione culturale delle Regioni Convergenza anche con vie di accesso aeroportuali minori”

I Fondi Europei

La Strategia “Europa 2020 per una crescita economica intelligente, sostenibile e inclusiva” ha delineato gli obiettivi del quadro di programmazione 2014-2020 dei fondi europei. In tale contesto, le Regioni del Mezzogiorno (Campania, Calabria, Puglia e Sicilia) – che nel precedente periodo di programmazione erano definite “Regioni Convergenza” e ora, insieme alla Basilicata sono state denominate “Regioni meno sviluppate” – hanno a disposizione un’occasione particolarmente significativa per sostenere lo sviluppo dell’economia e avviare politiche di innovazione e competitività per i sistemi produttivi regionali.

Per realizzare tale strategia, l’Unione Europea si avvale di diverse tipologie di strumenti finanziari che vengono attuati attraverso:

  • i Fondi Strutturali e di Investimento Europei (SIE) e il Fondo di Coesione, che sono gestiti dagli Stati membri e finanziati dalla Commissione Europea (cosiddetta “Gestione indiretta”);
  • i Fondi diretti, che sono gestiti direttamente da parte della Commissione Europea o dalle Agenzie da essa delegate (cosiddetta “Gestione diretta”).

1. I FONDI INDIRETTI

Fondi Strutturali e di Investimento Europei (Fondi SIE)1 I Fondi SIE – che per l’Italia ammontano complessivamente a 44 miliardi di euro per il periodo di programmazione 2014-2020 – finanziano le iniziative previste dalla “politica di coesione”, che è il principale pilastro di bilancio dell’Unione europea per gli investimenti. Nella programmazione 2014–2020 i fondi strutturali sono disciplinati dal Regolamento generale n. 1303/2013 e da altri specifici Regolamenti adottati dal Parlamento e dal Consiglio dell’Unione Europea per ciascun fondo. I fondi di interesse per l’Italia, che riguardano tra l’altro il settore turistico, sono:

  • il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) disciplinato dal Regolamento (UE) n. 1301/2013;
  • il Fondo Sociale Europeo (FSE) disciplinato dal Regolamento (UE) n. 1304/2013;
  • il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEASR) disciplinato dal Regolamento (UE) n. 1305/2013;
  • il Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca (FEAMP) disciplinato dal Regolamento (UE) n. 508/2014.

In particolare attraverso il FESR e il FSE, l’Unione Europea offre supporto a nuove imprese innovative e alle PMI, crea occupazione sostenibile, combatte la povertà, promuove l’inclusione sociale e migliora l’ambiente. I Fondi SIE concorrono alla realizzazione degli 11 “Obiettivi Tematici” previsti dalla programmazione europea 2014 – 2020.

Al riguardo, il microcredito si rivela lo strumento che maggiormente può contribuire al raggiungimento degli Obiettivi Tematici 8 e 9 che riguardano:

  • la promozione di un’occupazione sostenibile;
  • il raggiungimento dell’inclusione sociale e finanziaria

Gli interventi a valere sui Fondi SIE sono realizzati attraverso i Programmi Operativi - PO.

Programmi Operativi - PO I PO sono i documenti di attuazione delle politiche di sviluppo e coesione finanziate dai fondi strutturali, sono predisposti dagli Stati Membri e approvati dalla Commissione Europea. A seconda della competenza si distinguono in:

  • Programmi Operativi Nazionali–PON, gestiti dalle Autorità di Gestione nazionali;
  • Programmi Operativi Regionali–POR, gestiti dalle Autorità di Gestione regionali.

Come si accede ai finanziamenti previsti dai PO

L’Italia non ha previsto un PO interamente dedicato al turismo, tuttavia numerose sono le azioni di sostegno volte alla creazione d’impresa nei diversi settori, definite all’interno dei PO Nazionali e Regionali; pertanto, anche le iniziative attuate o da attuarsi nel campo del turismo possono essere oggetto di finanziamento.

L’assegnazione dei finanziamenti nell’ambito dei Fondi SIE avviene tramite la partecipazione alle procedure previste dai bandi, che variano a seconda del Programma Operativo Nazionale o Regionale e sono stabilite dalle Autorità di Gestione. A tal fine, è necessario innanzitutto:

  • consultare i documenti di programmazione delle Regioni (POR), o dell’Autorità di Gestione nazionale (PON), per capire e conoscere in anticipo quali attività e investimenti verranno finanziati;
  • monitorare i bandi aperti, la loro pubblicazione e le tempistiche di presentazione delle domande.

Chi può partecipare2 Possono beneficiare dei finanziamenti:

  • gli enti pubblici;
  • alcune organizzazioni del settore privato (in particolare micro, piccole e medie imprese);
  • le Università;
  • le Associazioni;
  • le ONG e organizzazioni non lucrative;
  • le imprese estere con una filiale nella regione interessata dal relativo programma operativo, a patto che rispettino le norme europee in materia di appalti pubblici.

Strumenti finanziari nella programmazione 2014 – 2020

La programmazione europea 2014 - 2020 attribuisce grande rilevanza ai cosiddetti “strumenti finanziari” innovativi (Regolamento UE n. 1303/2013, Titolo IV, articolo 37), quali ad esempio il microcredito e la microfinanza, i fondi di garanzia, i fondi di equity, ecc. L’obiettivo della Commissione Europea è quello di incentivare l’utilizzo di questo tipo di finanziamento in modo tale da creare un’alternativa o una complementarietà alle classiche sovvenzioni e gare d’appalto. L’integrazione degli strumenti finanziari con i Fondi europei rappresenta una delle più importanti novità della programmazione 2014 - 2020 e può essere individuata come il meccanismo per incrementare e migliorare il sostegno finanziario pubblico e privato per lo sviluppo della piccola e media impresa, anche nel settore turistico.

2. I FONDI DIRETTI

Cosa sono i fondi diretti dell’Unione Europea?

Sono fondi a gestione diretta della Commissione Europea, tramite le Direzioni Generali o le Agenzie esecutive da essa delegate, le cui risorse sono erogate ai beneficiari finali. I fondi sono diversi, divisi per settori e linee di finanziamento e finanziano principalmente:

  • idee innovative, comprese quelle finalizzate alla creazione d’impresa;
  • scambi di esperienze;
  • buone pratiche;
  • seminari, convegni e studi da realizzare in partenariato con altri Paesi.

La maggior parte dei progetti finanziati dai Fondi diretti richiede la costituzione di un partenariato composto da istituzioni provenienti da almeno 2 o più Stati Membri.Il partenariato viene definito dalla Commissione Europea come una “relazione di collaborazione” basata sulla convergenza di interessi e finalizzata al conseguimento di obiettivi congiunti

ome si accede ai finanziamenti previsti dai Programmi a gestione diretta La Commissione Europea invita gli interessati a partecipare tramite:

  • call for proposals, ovvero inviti a presentare proposte progettuali nei vari settori dei programmi tematici pluriennali;
  • call for tenders, ovvero bandi di gara per lavori, servizi e forniture per la realizzazione dei propri progetti attraverso l’assegnazione di risorse finanziarie europee. I fondi a gestione diretta seguono due procedure di aggiudicazione distinte:
  • le sovvenzioni: co-finanziamenti a fondo perduto a carattere tematico assegnati a progetti europei presentati a seguito di call, pubblicate periodicamente nell’ambito del programma a gestione diretta. La sovvenzione copre una percentuale dei costi ammissibili di ciascun progetto che varia mediamente tra il 50% e il 75%. Il cofinanziamento deve essere integrato da risorse proprie del beneficiario;
  • i contratti pubblici: contratti assegnati attraverso gare di appalto per l’erogazione di servizi, beni oppure per l’esecuzione di lavori.

Chi può partecipare4

I finanziamenti diretti possono essere richiesti da:

  • persone giuridiche, pubbliche o private, presenti negli Stati Membri dell’UE attraverso la presentazione di un progetto;
  • persone giuridiche, pubbliche o private, appartenenti a Paesi terzi che partecipano ai programmi europei di riferimento attraverso la presentazione di un progetto. I programmi comunitari d’interesse per il settore turistico sono EaSI e COSME.

EaSI, microcredito e turismo

Il programma per l’occupazione e l’innovazione sociale (EaSI) è il più interessante per il connubio turismo e microcredito in quanto è uno strumento di finanziamento che ha l’obiettivo di sostenere l’occupazione, la politica sociale e la mobilità del lavoro in tutta l’UE. Le risorse finanziarie europee del programma EaSI, che ammontano a € 919,47 milioni totali, vengono utilizzate per l’innovazione sociale, orientata in particolare ai giovani.

Il Programma EaSI prevede l’Asse Progress Microfinance - Microfinanza e imprenditoria sociale - che ha lo scopo di aumentare la disponibilità di microcredito per chi desidera creare o sviluppare una piccola impresa.

Chi e come può partecipare a Progress Microfinance?

L’asse Progress Microfinance non finanzia direttamente gli imprenditori o le imprese sociali ma consente agli erogatori di microcredito e agli investitori nelle imprese sociali selezionati dal Fondo Europeo per gli Investimenti – FEI, che gestisce i fondi dell’asse, di aumentare il volume dei propri prestiti. La candidatura è aperta agli intermediari finanziari, sia pubblici che privati, presenti a livello nazionale, regionale o locale, che forniscono micro finanziamenti a microimprese e imprese sociali. Per chiedere il finanziamento occorre verificare la presenza, nel proprio Paese, di un intermediario di microcredito aderente all’asse Progress Microfinance. L’intermediario ha il compito di fornire, al richiedente del microcredito, tutte le informazioni sui requisiti e le procedure per ottenere il finanziamento e di inviare al FEI la domanda del finanziamento stesso5. Al fine di favorire il pieno utilizzo del programma EaSI e dei fondi SIE è stata costituita in seno alla DG Regio Fi-compass, una piattaforma che fornisce servizi di consulenza sugli strumenti finanziari a valere sui Fondi SIE, e microfinanziamenti nell’ambito del Programma EaSI.6.

COSME e turismo

Il Programma COSME - Competitività delle imprese e delle PMI - approvato definitivamente nel dicembre 2013, ha a disposizione una dotazione pari a 2,3 miliardi di euro. L’obiettivo del programma è quello di migliorare l’accesso ai finanziamenti delle PMI nella loro fase di avvio, di crescita e di trasferimento e promuovere un contesto economico e una cultura imprenditoriale attraverso quattro azioni chiave: 1 - migliorare le condizioni quadro per assicurare la competitività e la sostenibilità delle imprese dell’UE, anche nel settore del turismo, sostenendo la coerenza nell’attuazione e portando avanti un’elaborazione consapevole delle politiche a livello europeo (253 milioni di euro, di cui 109,9 milioni destinati al settore del turismo); 2 - promuovere l’imprenditorialità anche tra gruppi di destinatari specifici, mediante attività quali lo sviluppo di abilità e attitudini imprenditoriali, in particolare tra i nuovi imprenditori, i giovani e le donne, nonché la promozione di seconde opportunità per gli imprenditori (57 milioni di euro); 3 - migliorare l’accesso delle PMI ai finanziamenti sotto forma di capitale proprio e di debito, attraverso il ricorso a strumenti di capitale proprio e garanzie sui prestiti (circa 1,5 miliardi di euro); 4 - migliorare l’accesso ai mercati nell’UE e su scala mondiale, fornendo servizi di sostegno alle imprese orientati alla crescita attraverso la rete Enterprise Europe (EEN) per agevolare l’espansione nel mercato unico e al di fuori di esso (495,5 milioni di euro). Chi e come può partecipare?7 Il programma COSME finanzia qualunque tipo di operazione utile o di investimento per lo sviluppo delle attività delle PMI e quindi possono partecipare:

• imprenditori, soprattutto PMI, che necessitano di un accesso agevolato ai finanziamenti per le proprie imprese;

• cittadini che desiderano mettersi in proprio e devono far fronte alle difficoltà legate alla creazione o allo sviluppo della propria impresa;

• autorità degli Stati membri che ricevono una migliore assistenza nella loro attività di elaborazione e attuazione di riforme politiche efficaci. Il programma ha un piano d’azione dedicato al settore del turismo, al quale si possono candidare anche le microimprese turistiche delle Regioni Convergenza, seguendo le procedure previste dai bandi che finanziano in media 250.000 euro a progetto. I soggetti che intendono partecipare possono rispondere alle specifiche: call for proposals8 e call for tenders9.

__________

NOTE

Per approfondimenti o informazioni:

1 http://ec.europa.eu/contracts_grants/funds_it.htm; http://ec.europa.eu/regional_policy/it/policy/how/priorities.

2 http://ec.europa.eu/regional_policy/thefunds/access/index_en.cfm

3 https://crm.formez.it/crm/ricerca_partner/?q=partnersearch

4 http://www.finanziamentidiretti.eu/; http://europa.formez.it/sites/all/files/guida_alle_opportunita_di_finanziamento_dellunione_europea_2014-2020.pdf

5 http://ec.europa.eu/social/main.jsp?catId=629&langId=en; http://ec.europa.eu/social/main.jsp?langId=en&catId=89&newsId=1093. http://programmicomunitari.formez.it/content/guida-finanziamenti-ue-settore-turismo-2014-2020

6 https://www.fi-compass.eu/; https://www.fi-compass.eu/esif/european-structural-and-investment-funds-esif; https://www.fi-compass.eu/mra/multi-region-assistance-mra; https://www.fi-compass.eu/easi/eu-programme-employment-and-social-innovation-easi

7 http://ec.europa.eu/easme/en/cosme; http://ec.europa.eu/growth/index_en.htm

8 https://ec.europa.eu/easme/en/cos-tour-2015-3-04-supporting-competitive-and-sustainable-growth-tourism-sector-0)

9 http://ec.europa.eu/growth/tools-databases/newsroom/cf/itemdetail.cfm?item_id=7738&lang=en&title=European-resource-Efficiency-Self-Assessment-Tool-for-SMEs