Y.E.S. – YOUTH ENTREPRENEURSHIP SUPPORT

Selene D'Angelo e Angela Mariotti | Ricercatori progetto Microerasmus

Il microcredito, inteso come strumento per l’inclusione sociale che favorisca l’autoimprenditorialità di giovani svantaggiati, è il tema centrale della nuova idea progettuale presentata dall’Ente Nazionale per il Microcredito a valere su fondi diretti europei.

Il progetto Y.E.S. – Youth Entrepreneurship Support – della durata di due anni, ha come obiettivi da un lato di facilitare l’accesso al credito da parte di giovani che si trovano in situazioni di emarginazione e, dall’altro, di accompagnarli nelle prime fasi di avviamento dell’attività imprenditoriale stessa. La disoccupazione giovanile in Europa, e in Italia in particolare, è, infatti, una problematica di grande attualità che ha un impatto significativo sia a livello economico che sul tessuto sociale. I giovani disoccupati provenienti da situazioni di povertà e/o con un basso profilo d’istruzione, sono una delle categorie maggiormente esposte al rischio di emarginazione e di criminalità.

Per far fronte a questa criticità l’uso dello strumento del microcredito per favorire l’autoimprenditorialità, si è rivelato essere molto utile nella lotta alla disoccupazione e per l’inclusione sociale di giovani svantaggiati. Il target a cui il progetto si rivolge sono proprio giovani under 35 (tendenzialmente alla prima esperienza imprenditoriale), economicamente e/o socialmente svantaggiati (a più alto rischio di esclusione) e con un basso profilo d’istruzione/ formazione. Attraverso l’implementazione dei servizi accesso ri offerti dalle banche e dagli istituti di microcredito, il progetto ha come obiettivo di supportare il giovane imprenditore in tutte le fasi essenziali per l’avviamento della propria attività. Durante la prima fase progettuale verrà sviluppato un percorso formativo per operatori di microcredito sulle tecniche di tutoraggio necessarie nella fase iniziale di avviamento dell’impresa (primi 6 mesi?). Il trasferimento delle competenze acquisite dall’operatore, al giovane imprenditore, avverrà attraverso tecniche di business coaching e fornirà al giovane gli strumenti necessari per imparare a gestire i principali ostacoli che incontrerà, come la paura del fallimento, la mancanza di spirito decisionale e la cattiva gestione del tempo e dello stress.

Questi ultimi, risultano essere ostacoli concreti riscontrati dai giovani imprenditori e spesso causa del fallimento di attività appena avviate. Parallelamente il progetto prevede l’educazione finanziaria e imprenditoriale dei giovani appartenenti al target. La messa a punto di questa nuova metodologia che prevede l’integrazione di conoscenze di business management e di business coaching, consentirà di strutturare percorsi di accompagnamento all’imprenditoria che, oltre a fornire l’assistenza tecnica necessaria, siano in grado di supportare il giovane imprenditore anche da un punto di vista emotivo. Il carattere innovativo del progetto risiede proprio nella combinazione di elementi apparentemente distanti tra loro ma in realtà ugualmente importati per agevolare un giovane alla sua prima esperienza imprenditoriale e per favorirne l’inclusione sociale

Scarica PDF