ENM – BCC ROMA «UN MODELLO PER IL MICROCREDITO»

ENM – BCC ROMA «UN MODELLO PER IL MICROCREDITO»

Marco Paoluzi | Responsabile area credito ENM

INTRODUZIONE

Il repentino sviluppo che la disciplina sul microcredito ha avuto nel recente periodo, a seguito della pubblicazione del DM 176/2014, attuativo dell’art. 111 TUB, e all’emanazione dei due Decreti MiSE del 24/12/2014 e del 18/03/2015, che hanno attivato l’intervento del Fondo Centrale sulle operazione di microcredito, ha consentito agli istituti finanziari di guardare con interesse ad un mercato fino a ieri considerato marginale e ad alto rischio. Facilitare la diffusione dello strumento e garantire al contempo le sue caratteristiche distintive, è stata sfida raccolta dall’Ente Nazionale per il Microcredito che, in supplenza ad un mercato ancora in via di consolidamento, ha voluto offrire la propria collaborazione agli Enti erogatori attraverso una partnership finalizzata all’erogazione dei servizi ausiliari di assistenza e monitoraggio. Oggi con questa progettualità abbiamo realizzato un modello di accesso al microcredito efficace, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo. Un modello che può rappresentare la chiave di accesso al microcredito per tutti gli istituti finanziari che guardano ancora a questo strumento con diffidenza.

MONITORAGGIO ATTIVITÀ DI MICROCREDITO 2011-2014*

IL MICROCREDITO PRIMA DEL 2015

EVOLUZIONE NORMATIVA SUL MICROCREDITO

INTERVENTO DEL FONDO PMI PER IL MICROCREDITO

IL MICROCREDITO DOPO IL 2015

OPPORTUNITÀ

RISCHI

IL RUOLO DELL’ENM PER I SERVIZI AUSILIARI PER IL MICROCREDITO

IL MODELLO ENM - BCC ROMA

BREVE DESCRIZIONE DELLA PROCEDURA

LA SOLUZIONE SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLA FILIERA DEL MICROCREDITO

Scarica pdf