LA NATURA DELLE COSE

IL CORE BUSINESS DELL’ENTE NAZIONALE E IL SUO POSIZIONAMENTO ALL’INTERNO DEL QUADRO EUROPEO. UNA RIFLESSIONE ISTITUZIONALE

Roberto PASCA DI MAGLIANO | Membro del Comitato Scientifico dell'ENM e docente presso L'Università La Sapienza di Roma

La microfinanza come strumento di emancipazione sociale ed economica

Le recenti teorie dello sviluppo dimostrano come le determinanti dello sviluppo poggiano sull’accumulazione di capitale umano e solo marginalmente di capitale monetario. Si dimostra come gli stimoli all’emersione economica e sociale provengano “dal basso” e non da scelte di policy disegnate “dall’alto” e calate in realtà diverse e dotate di specificità non standardizzabili. Le ragioni che ispirano lo sviluppo dal basso stanno nel fatto che il motore dello sviluppo sta nella capacità di accrescere la produttività del lavoro la quale, a sua volta, dipende dal miglioramento del capitale umano.
Tante sono le evidenze empiriche che confermano la validità del modello di sviluppo endogeno.
Tra i fattori influenzanti la crescita del capitale umano rientra il diritto dell’accesso al credito, ossia la possibilità che individui “non bancabili” possano accedere a servizi finanziari (credito in particolare), necessari per sviluppare nuove attività progettuali. L’inclusione finanziaria assume la veste di diritto da garantire a tutti gli individui, in particolare alle categorie più disagiate, proprio perché esso rappresenta un titolo valido sia per l’emancipazione sociale che la crescita economica. Determinante a tal fine è l’azione di divulgazione dei servizi di microfinanza, delle caratteristiche del microcredito e degli altri strumenti collegati (microleasing, microassicurazione, ecc.), nel rispetto delle normative esistenti riguardanti le condizioni di offerta e i requisiti della domanda.
Tali azioni di divulgazione, in quanto conseguenti ad un diritto da garantire ai cittadini meno abbienti, non può che essere svolto da organismi pubblici anche operanti senza finalità di lucro.

Posizionamento ENM
In qualità di ente pubblico l’ENM è titolato a svolgere azioni di divulgazione, promozione della conoscenza e assistenza dei servizi di microfinanza in quanto determinanti a garantire l’inclusione finanziaria ai soggetti cosiddetti non bancabili.
Tale funzione trova legittimità nella componente sociale derivante dal diritto all’inclusione finanziaria, ossia nel fatto che l’accesso ai relativi servizi di microfinanza (credito, ecc.) contribuiscono ad accrescere la responsabilizzazione degli individui nei confronti delle proprie azioni e nei confronti della società nel suo insieme.
A tal fine, l’ENM è impegnato a sviluppare azioni di supporto, quali:
• la promozione di strutture capaci di garantire l’offerta dei servizi di microfinanza alle persone in difficoltà o comunque considerate non bancabili;
• la diffusione della conoscenza dei contenuti e delle modalità dei diversi servizi offerti, insieme con le condizioni richieste ai clienti;
• la creazione di sportelli di accoglienza ove soggetti interessati allo sviluppo di progetti di impressa possano ricevere l’assistenza necessaria alla conoscenza dei servizi, delle strutture autorizzate a offrirli, dei servizi di accompagnamento, delle condizioni richieste ai clienti;
• la creazione di una community di soggetti pubblici e privati coinvolti o coinvolgibili nella diffusione della microfinanza.

Scarica PDF