L’EVOLUZIONE DELLA RETE SPORTELLI ENM

Print Friendly, PDF & Email

ROBERTO MARTA

Coordinatore Area Sportelli e Territorio

L’Ente Nazionale per il Microcredito gestisce direttamente gli Sportelli Unici ENM, attivi presso le Pubbliche Amministrazioni e configurati oggi come veri e propri punti di riferimento informativi specializzati nell’accompagnamento all’accesso agli strumenti per l’autoimpiego, l’autoimprenditorialità ed il microcredito, a valere sia su misure nazionali che su misure locali. Nel 2012 il progetto “Microcredito e Servizi per il Lavoro“ permise la loro creazione con il coinvolgimento delle regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. Nel 2014 la rete venne ampliata grazie al Progetto “Microwork: fare rete per il microcredito e l’occupazione”, con l’apertura di sportelli nelle regioni italiane del centro-nord. Una rete di Sportelli estesa così su tutto il territorio nazionale, la quale fu potenziata da una piattaforma digitale di supporto ai servizi di consulenza degli operatori di sportello. Dalla fine del 2016 la Rete degli Sportelli si è messa al servizio del “Progetto SELFIEmployment: strumenti di supporto per il potenziamento degli accessi” per garantire un supporto operativo dedicato ai giovani NEET della Garanzia Giovani che intendono presentare le loro richieste di finanziamento attraverso il portale Invitalia, in sinergia con il continuo supporto degli Agenti territoriali ENM, esperti operativi nelle diverse realtà regionali. Alla fine del 2018 l’Ente Nazionale per il Microcredito, valutando il successo delle iniziative predette, anche dopo la conclusione delle azioni di sistema messe in atto in accordo con il Ministero del Lavoro, costatando la grande quantità di adesioni che continuavano a pervenire per l’apertura di nuovi sportelli, decise di assicurare la continuità operativa degli stessi tramite una gestione diretta e la costituzione della nuova Area Sportelli e Territorio ENM. La rete degli Sportelli Unici ENM si è così consolidata rappresentando un valido sistema di punti informativi e di assistenza per la cittadinanza. Attualmente il servizio informativo riguarda il Microcredito Imprenditoriale, i Progetti attivi curati dall’Ente Nazionale per il Microcredito (Progetto SELFIEmployment, Progetto Yes I Start Up, Progetto FASI) ed anche tutte le altre misure di finanziamento attive sia a livello regionale che nazionale.

Al 29 febbraio 2020 si contano 162 Sportelli della “Retemicrocredito” presso Comuni, Centri per l’impiego, Comunità montane, Università e Camere di Commercio dislocati sull’intero territorio nazionale, con la copertura di 17 regioni (Abruzzo 4 - Basilicata 2 - Calabria 13 - Campania 17 - Emilia Romagna 4 - Friuli Venezia Giulia 4 - Lazio 24 - Liguria 0 - Lombardia 8 - Marche 2 - Molise 0 - Piemonte 4 - Puglia 24 - Sardegna 3 - Sicilia 38 - Toscana 6 - Trentino Alto Adige 1 - Umbria 2 - Valle d’Aosta 0 - Veneto 6).

Una rete di servizi informativi, di orientamento e di accompagnamento sullo strumento del “microcredito” di impresa e sugli incentivi per l’autoimpiego che oggi più che mai mette a segno risultati decisivi, aprendo interessanti prospettive sui nuovi programmi inclusivi di microcredito e autoimpiego ideati per sostenere un’economia sociale di mercato. Sono 243 gli operatori di sportello attualmente impegnati nelle relative attività di gestione e divulgazione. Nel 2019 l’Area Sportelli e Territorio ENM ha iniziato un percorso di rinnovamento e definizione delle prassi procedurali e della struttura interna, il cui preludio è individuabile nella ratifica, da parte del Segretariato Generale ENM, della Nuova Programmazione Sportelli 2018-2019, avvenuta alla fine del 2018. L’obiettivo principale è stato quello di ridisegnare la Rete Microcredito in un’ottica di efficienza ed efficacia delle azioni organizzative nell’ambito di un sistema di metodologie analitiche costanti. Il lavoro di ricerca e controllo in merito agli Sportelli attivi sul territorio, effettuato dall’Ufficio Centrale di Coordinamento dell’Area Sportelli e Territorio, ha infatti permesso di monitorare l’andamento nazionale delle pratiche sottoscritte dagli utenti che si sono recati presso questi punti informativi. A tal proposito, dall’inizio del 2019 ad oggi, sono state avviate una serie di attività di aggiornamento, contatto, monitoraggio, verifica, ispezione, comunicazione, nei confronti degli addetti agli Sportelli Unici ENM con l’obiettivo di fortificare il rapporto Centrale-Sportello. Nel mese di febbraio 2020 l’Ente Nazionale per il Microcredito ha dato la possibilità di aprire uno Sportello Unico ENM anche presso Enti privati di livello nazionale (ad es. Confartigianato, Confcommercio, …) firmando il primo protocollo d’intesa di questo tipo con le Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani aps (ACLI aps) in data 21/02/2020. Con questo documento (preliminare a nuovi iter procedurali di apertura) si gettano le basi per un sostanziale ampliamento della Rete.

Nuovo iter procedurale per l’apertura di uno sportello unico Enm

L’Apertura di uno Sportello dell’Ente Nazionale per il Microcredito presso la Pubblica Amministrazione, prevede l’attuazione di una prassi procedurale ufficiale: - la presentazione della Manifestazione d’Interesse è l’Atto ufficiale con cui la Pubblica Amministrazione richiede l’Apertura di uno Sportello per svolgere attività di promozione e informazione sul Microcredito; va presentato in carta intestata, firmato dall’Autorità competente (Presidente, Sindaco, ecc.) e inviato all’email dell’Area Sportelli e Territorio all’Attenzione del Presidente dell’ENM che la visiona e in caso favorevole, accetta la domanda. - l’Area Sportelli e Territorio protocolla la Manifestazione d’interesse e, se viene accettata dal Presidente, invia alla Pubblica Amministrazione il Modulo di Verifica dei Requisiti minimi, il Consenso al Trattamento dei dati ex art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 e il Format dell’Atto d’Impegno. - il Modulo di Verifica dei Requisiti minimi è un verbale che verifica l’idoneità necessaria per l’Apertura dello Sportello. La raccolta dei dati preventiva è fondamentale anche per definire i Responsabili e gli Operatori designati con delibera dalla Pubblica Amministrazione per svolgere la funzione informativa nello Sportello. Una volta inviato il modulo compilato all’Area competente, viene accordato il giorno per il sopralluogo che verrà svolto dal Responsabile dell’Area Sportelli e Territorio insieme ai collaboratori dell’Area dall’Ente Nazionale per il Microcredito per prendere visione dell’effettiva regolarità di quanto dichiarato. Il sopralluogo è necessario a definire l’esito per l’Apertura o meno dello Sportello. - L’Atto d’Impegno è l’Atto ufficiale che sigilla l’accordo tra l’Ente Nazionale per il Microcredito e la Pubblica Amministrazione a poter pubblicizzare, previo accordi con l’Ufficio Stampa ENM, le iniziative di Microcredito attuate a livello territoriale attraverso lo Sportello designato. La firma dell’Atto può avvenire in due modi: - Firma digitale tra le parti a mezzo posta certificata che non prevede l’incontro delle autorità. - Firma in calce tra le Autorità nel corso di un evento, conferenza stampa organizzata dalla Pubblica Amministrazione, previo accordi con l’Ufficio Stampa ENM. - Al momento dell’inaugurazione verrà consegnata una Targa Istituzionale che deve essere affissa all’ingresso dell’Ufficio designato come Sportello in modo da poter essere visibile agli utenti richiedenti. - In seguito all’inaugurazione e alla firma dell’Atto vengono generate le credenziali di accesso alla Piattaforma dell’Ente necessarie all’Operatore di Sportello per essere costantemente aggiornato sulle attività e le iniziative promosse dall’Ente e di tutte quelle attive all’interno della propria regione. L’Area Sportelli e Territorio si avvale inoltre della collaborazione di figure professionali, gli Agenti territoriali, dislocati in tutte le regioni che all’occorrenza supportano l’Operatore dello Sportello nelle sue funzioni.

Print Friendly, PDF & Email